Ambiente di vendita

Zone calde e fredde in negozio: cosa sono?

2021



 

La quantità di prodotti che possiamo tenere in vista nel nostro negozio non è infinita. Quindi, come esporre sempre l’assortimento ideale? Come scegliere i prodotti più redditizi per il tuo punto vendita e quali sono le aree del locale che ricevono più visite?

I clienti, di solito, seguono un itinerario quando entrano in un locale. In base a come hai organizzato i mobili o come hai sistemato i prodotti, i clienti si comporteranno in modo da generare zone calde e fredde in negozio, ossia aree piú o meno trafficate. Pertanto, sapendo quali sono queste aree e studiando il comportamento del cliente, è possibile ottimizzare il percorso per evitare che esistano zone fredde. Vediamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando.

Cosa sono le zone calde e fredde in negozio?


Zone fredde


Definiamo innanzitutto cos’è una zona fredda: rappresenta un’area del punto vendita in cui si rileva poco traffico pedonale, dove i clienti, per una determinata ragione, non si addentrano e non passeggiano. Una zona può diventare fredda perché, per esempio, è meno accessibile rispetto ad altre, non abbastanza illuminata o perché i prodotti sono mal disposti sugli scaffali.

É necessario prestare attenzione alla disposizione dei mobili, per non bloccare il passaggio ad una parte importante del negozio per permettere ai clienti di visitarlo per intero ed evitare la creazione di passaggi troppo stretti.

Per i retailer, i punti freddi rappresentano i metri quadrati più costosi del locale, e quindi è necessario sapere come gestire lo spazio per ottimizzare le vendite.

Uno suggerimento efficace é quello di migliorare  favorire il traffico pedonale disponendo nelle zone fredde i beni di prima necessità, i prodotti più comprati o quelli con il maggiore volume d’affari.

 

zone fredde e zone calde in negozio

"I dispositivi disponibili oggi sul mercato consentono di stabilire punti caldi e punti freddi del negozio"



Zone calde


Le zone calde sono gli spazi del punto vendita con maggior traffico pedonale, qualunque sia l’interesse generato dai prodotti di quell’area.

É logico: i prodotti con la più alta richiesta generano automaticamente zone calde. Nonostante ció, ci sono aree di transito che hanno sempre molto traffico, come ad esempio l’entrata del negozio. Sono le aree con maggior visibilità, e rappresentano un buon posto per posizionare quei prodotti dei quali vogliamo promuovere la vendita, con meno frequenza di acquisto, o prodotti nuovi.

Dispositivi per misurare l’affluenza pedonale il negozio


Per ordinare correttamente i prodotti all’interno di un negozio, è necessario sapere quali sono le zone fredde e quali le zone calde del nostro punto vendita, e i dispositivi disponibili oggi sul mercato consentono di stabilire punti caldi e punti freddi del negozio.

Le tecnologie di Retail Intelligence ci permettono di sapere in che direzione si muovono i clienti, se hanno visitato l’intero locale, rilevano eventuali difetti nel layout del negozio, per migliorare l’accessibilità e sapere quali brand e prodotti sono più gettonati.

Pertanto, non è difficile per un retailer misurare il comportamento di un cliente all’interno del punto vendita.

L'importante é poter contare sempre su dati aggiornati ed affidabili, grazie ai quali saremo in grado di prendere decisioni efficaci.


Inoltre, grazie all'analisi del traffico pedonale nel punto vendita, si possono valutare ulteriori dati. Come, ad esempio, il tempo di permanenza. E scoprire quanto efficace é la nostra strategia di vendita. O, per esempio, il ratio di attrazione, il quale ci informa sulla capacitá di attrazione del nostro locale.
 

In TC group Solutions, come azienda leader nel settore della vendita al dettaglio, disponiamo di software per sapere quali sono le aree più o meno affollate di un punto vendita, disponiamo di software in grado di offrire dati in tempo reale ed affidabili. Grazie ai quali poter prendere decisioni efficaci ed ottimizare il punto vendita.